FSBA ha pagato ottobre 2021

(17/12/2021) Questa mattina il Fondo nazionale FSBA ha effettuato i pagamenti della cassa integrazione di ottobre 2021.
In Toscana il totale delle erogazioni è stato di oltre 6 milioni 200mila euro, contribuzione correlata inclusa. I lavoratori destinatari dei pagamenti sono stati oltre ottomila.
Sono state pagate le rendicontazioni presentate entro la data del 25 novembre 2021 compreso, se inserite in pratiche di tipo Decreto 41 "Sostegni" o Decreto 146 "Fiscale". Occorre attendere ancora per il pagamento delle rendicontazioni tardive legate a domande di tipo "Legge di Bilancio 178".
Le aziende sono tenute ad inserire nella prima busta paga utile dei lavoratori gli importi lordi ricevuti, assoggettandoli ad Irpef. Per i dettagli dei pagamenti vi invitiamo a visitare la sezione Pagamenti (importo lordo) di ogni domanda FSBA in SINAWEB.
I successivi pagamenti FSBA verranno effettuati verosimilmente nel corso del prossimo mese di gennaio e potranno riguardare soltanto le pratiche rendicontate entro venerdì 24 dicembre 2021. Vi invitiamo dunque a rendicontare prima possibile.
ASSEGNO ORDINARIO "NEOASSUNTI". I lavoratori assunti in data successiva al 23 marzo 2021 e che sono dipendenti di aziende che NON hanno esaurito completamente le 28 settimane del Decreto 41 restano scoperti dalla cassa integrazione di tipo Covid19: nella situazione descritta non si può infatti presentare per loro una domanda di tipo Decreto 146.
Per questi soli lavoratori il Fondo nazionale FSBA ha deliberato di concedere l'assegno ordinario FSBA "normale", di tipo cioè "non Covid19". Per la domanda occorrono nuovo ticket INPS e nuovo verbale di accordo sindacale (in questo caso eccezionalmente anche non preventivo).
Principali requisiti richiesti: data di assunzione successiva al 23 marzo 2021, anzianità aziendale minima di 90 giorni di calendario (il lavoratore ha cioè diritto a partire dal novantunesimo giorno compreso in poi); l'azienda deve avere versamenti EBNA regolari e deve essere aperta con dipendenti da oltre 6 mesi; nuovo verbale di accordo sindacale debitamente sottoscritto da azienda e sindacato (CGIL o CISL o UIL).
Rendicontazione: è obbligatorio rendicontare prima la domanda Decreto 41 (se presente), poi l’assegno ordinario. Per rendicontare l’assegno ordinario occorre caricare l’xml dell’Uniemens di quel mese. Se nel frattempo l’azienda termina i giorni massimi pagabili con il Decreto 41, nella stessa data in cui viene chiusa la domanda Decreto 41 deve essere chiuso anche l’assegno ordinario: da quel punto in avanti tutti i lavoratori devono essere inseriti in una nuova domanda di tipo Decreto 146.